Ai Giudici studio idea

Ai Giudici – coffee & drinks

 

Il concept per il nuovo locale “Ai Giudici – coffee & drinks” nasce dal bisogno di garantire la flessibilità di uno spazio destinato a caffetteria di giorno e a pub di notte.

Al fine di garantire questa doppia valenza dello spazio, all’interno dello stesso si mescolano il carattere lounge della coffee house, dato dal calore del legno negli spazi destinati alla colazione, e il carattere più forte del ferro color ruggine che si adatta all’ambiente notturno del pub.

I materiali utilizzati nei due diversi spazi conferiscono agli stessi un aspetto fortemente identificativo delle funzioni che si svolgono prevalentemente al loro interno. Nelle aree dove viene servita la colazione il legno investe i tavoli e le sedie, gli elementi contenitori e le fioriere sulle pareti e i corpi illuminanti sul soffitto; tali elementi, caratterizzati da volumi lignei modulari, si innestano su una struttura leggera in ferro che parte dal pavimento e attraversa pareti e soffitto avvolgendo l’intero spazio. Nell’area centrale del locale invece, dove si svolge maggiormente il lavoro notturno con la vendita dei cocktails, irrompe il volume sbieco in ferro trattato color ruggine che abbraccia pavimento, pareti e soffitto e che include il bancone bar illuminato da luci soffuse a sospensione.

Il carattere di flessibilità dello spazio viene poi assicurato anche grazie alla presenza di elementi di arredo che, potendo cambiare continuamente posizione all’interno della struttura metallica modulare, permettono di ottenere configurazioni diverse a seconda dell’uso che se ne vuole fare e a seconda delle diverse ore della giornata. Anche le sedute possono cambiare configurazione se poste in verticale a mo’ di sgabelli o in orizzontale a mo’ di panche. Tale aspetto polifunzionale costituisce un forte elemento di attrazione per i clienti che possono scoprire un locale in costante cambiamento.

Al fine di garantire infine l’abbattimento delle barriere architettoniche è stato posato su tutta la superficie dell’immobile un pavimento flottante su piedini in ferro sopraelevato rispetto a quello originario, raggiungendo così la quota d’ingresso del locale e favorendo l’accessibilità e la percorribilità anche ai diversamente abili. Tale pavimento lascia scorgere in alcune aree, componendosi di ferro e vetro,  l’originaria pavimentazione in marmo, esaltata grazie alla presenza di un’ illuminazione a led diffusa sotto la superficie vetrata.

Qui di seguito il link per vedere tutte le foto del progetto http://goo.gl/hKQZ1Q

 

Studio DiDeA architetti associati