c_383_31860_1Cittadella universitaria di Le Havre, nata dalla trasformazione di vecchi container in unità abitative che hanno dato vita ad un unico corpo con quattro piani fuori terra ed un numero di monolocali pari a 180, di 24 mq ciascuno.

Frutto di un lavoro dell’architetto Cattani, dove l’elemento chiave del progetto è dato da una griglia metallica che funge da sistema strutturale per tutti i container, l’intero complesso si caratterizza per le singole unità, che sfalsate, creano una serie di terrazzi, balconi e passerelle.

“La struttura metallica – spiega Cattani – consente una migliore identificazione dei diversi alloggi, e li valorizza attraverso dei prolungamenti esterni che diventano terrazze e balconi. Le sequenze dei corridoi trasversali che danno accesso agli appartamenti creano sulla facciata una successione di pieni e vuoti che conferisce alla struttura una maggiore trasparenza visiva”.

Il progetto è una testimonianza di quanto il “riuso” possa comprendere non solo edifici dismessi ma anche elementi facilmente trasformabili in singole unità abitativa, quali i container.